Let’s Movie XXI

Let’s Movie XXI

Dear dear Moviers,

I ringraziamenti d’apertura questa settimana vanno a Mat e Chris, che hanno gentilmente accompagnato il Board a vedere CAPITALISM: A LOVE STORY, all’interno del Festival dell’Economia. (Fausta, la sala era talmente piena che il trio, con somma tristezza, ha dovuto dividersi… Un successone!).

Il Board è stato ripreso ? la blasfemia già contemplata in questo ? per la lunghezza eccessiva e il periodare convoluto delle mail inviate. (A onor del vero qualche Fellow le apprezza… Ma il Board reputa molto più elegante tacere l’identità dei benefattori che sbandierarla pubblicamente…). Fellows pigri molto CREATE-NETtiani e molto lazy avrebbero addirittura richiesto un indice dei contenuti per potervi fare slalom a tradimento/piacimento… (Proposte, queste, che si schierano con gli atti sovversivi dell’anarco-Zumi, a cui il Board risparmia l’onere di un feedback collettivo su SEX&THE CITY 2…).
Dato che i Moviers vengono sempre ascoltati ? magari non accontentati, ma sempre ascoltati ? il Board s’impegna ad asciugare i messaggi e a non pretendere troppo dai Fellows CREATE-NETtiani lazy…
Questa settimana Let’s Movie non vi darà nemmeno la possibilità di borbottare “Uh, sempre i soliti pacconi impegnati, rimango a casa sul divano, dehihihoho”, dato che vi propone una commedia esilaran-dissacrante:

SIMON KONIANSKI
di Michael Wald, Belgio, 100’, 2009
Giovedì
Supercinema Vittoria
Ore 21:00/9:00 pm

Sostenitore della politica “We scare because we care”, il Board avverte tutti i Fellows che nei mesi di giugno, luglio e agosto non intende accettare meteo-giustificazioni di nessun genere (tipo “Antonioo, fa caaaldo…” oppure “Uh, guarda, arriva un temporale, rimango sul divano, dehihihoho”).
Fellow avvisato…

Come sempre, riassunti in calce, un grazie di cuore e saluti estivamente cinematografici.

Let’s Movie
The Board

SIMON KONIANSKI: A 35 anni suonati, Simon, torna a vivere con suo padre, reduce dai lager. I due si rendono la vita impossibile, ma quando suo padre muore, Simon decide di esaudire le sue ultime volontà: essere sepolto nel villaggio in cui è nato. Ne scaturisce un road-movie inedito in cui Simon, insieme al figlioletto, copre un tracciato picaresco e comico accompagnato dal fantasma conviviale del padre e una serie di personaggi da fumetto pop.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Leave a Reply