LET’S MOVIE 331 – propone WONDER WOMAN e commenta RITRATTO DI FAMIGLIA CON TEMPESTA

LET’S MOVIE 331 – propone WONDER WOMAN e commenta RITRATTO DI FAMIGLIA CON TEMPESTA

Mail Moviers,

ricevo posta direttamente dall’Ufficio del Sindaco di New York. Sì, proprio lui, Bill de Blasio, contatta tutti i detentori di carta d’identità di NYC — come il vostro bel Board — e li invita a partecipare a una delle attività di volontariato proposte dalla sezione Immigrant Affairs del suo Ufficio.
Cosa sono queste attività di volontariato?

Incoraggiare i newyorkesi a farsi la NYC ID
Tenere corsi di conversazione in inglese per chi sta imparando la lingua
Prestare servizio di interpretariato durante eventi speciali o traduzione di materiali vari
Contribuire ai forum “Conosci i tuoi diritti” per aiutare a informare i tuoi vicini

Prima di salutarmi, mi dicono, con quel velo di orgoglio che contraddistingue i miei adorabili newyorkesi: “We especially encourage those who can speak more than one language to sign up. New York has been—and always will be—a welcoming and inclusive city for all. It’s who we are.”
Naturalmente ho aderito.
It’s who I am 🙂

Ora prendete Corso Tre Novembre, Trento, di fronte all’Auditorium Santa Chiara. Il Caffè Viennese. O quello accanto, non so. Per chi non è di Trento, immaginate un bar con dei tavolini all’aperto. Immaginate lì accanto una strada a due corsie, una per le macchine, l’altra per taxi e autobus. Immaginate che in questa città, in quella via e in quella corsia i bus e i taxi passano assai di rado, specie dopo una certa ora, tipo le 8 pm. Quindi quella corsia, è praticamente sempre vuota, tanto da essere utilizzata spesso dai pedoni, dai ciclisti, da chi, insomma transita con l’unico motore delle proprie gambe.
Immaginate che, un giovedì sera, fra quei tavolini di quel bar, si esibisca un piccolo complesso musicale — una specie di Peppino di Capri ma senza Capri né champagne per brindare ad un incontro né alcunché.
Immaginate che io passi, senta una canzone a cui non so mai resistere MAI — “Viva la vida” dei Coldplay — e che decida di sentire come il Peppino senza Capri la interpreterà.
Mi fermo, quindi, di fronte al bar, in mezzo alla corsia bus e taxi, assicurandomi che non arrivino né gli uni né gli altri, visto che un po’ alla mia vita tengo — anche perché ora devo aiutare de Blasio con la campagna di diffusione della carta d’identità newyorkese.
Fra me e i tavolini del bar corre la corsia in cui passano le macchine. Né passa una ogni morte di Papa, e non perché sia zona a traffico limitato ma perché siamo a Trento, e quella è la frequenza della circolazione dopo le 7 pm. Mentre ascolto Peppino con uno dei pezzi più belli e complessi dei Coldplay, temendo per le note alte che forse riuscirà a prendere con l’ausilio di una scala, ma certo non con la voce, mentre sono lì, in piedi, un occhio rivolto a destra e uno a sinistra per accertarmi che né taxi, né bus arrivino, ecco che sbuca, su una moto da enduro — notate la tecnicità — uno splendido esemplare di orso trentino. Non uno dei tanti plantigradi che fanno impazzire giunte e quotidiani, scatenando polemiche di ogni sorta, bensì un esemplare bipede, quelli che incarnano le caratteristiche tipiche di certa trentinità diciamo “into the wild”…
Il bipede, in groppa alla sua moto, rallenta, praticamente si ferma, alza la voce, per essere sicuro che io lo senta bene, e mi fa la grazia di un concetto che, tradotto in italiano suona più o meno così: “Guarda che lì non puoi starci, è per gli autobus, imbranata!”.
La sua grazia mi viene porta in trentino stretto, una variante di Althochdeutsch che sei anni di residenza qui mi consentono di comprendere.
Scuote visibilmente la testa di casco (!) che si porta sulle spalle, e poi dà una sonora sgasata da rettilineo al Mugello, incurante di Peppino alle prese con le scale e del pubblico in pena per lui, lì accanto.
Io rimango magnificamente annichilita — ce ne vuole per annichilirmi magnificamente, quindi complimenti al bipede sulle due ruote. E non tanto per il contenuto della grazia. Poteva pure avere ragione. Quello, tecnicamente, non è posto per pedoni, e fa niente se la corsia fosse sgombra, quello non è posto per pedoni, punto. Il codice della strada parla chiaro.
Rimango allibita per la briga che si è preso. E soprattutto per il modo. Mi chiedo. Ma tu, Yoghi della Trento centaura, rallenti APPOSTA per dare dell’imbranata a una che sarà anche un’imbranata — diciamocelo pure — ma che certo non ti ha intralciato, né ti ha dato noia, né ti ha messo i bastoni fra le ruote (anche se poi gliene sarebbe venuta una gran voglia)?
Ma cos’è questo? Il braccio duro della coscienza civica? Il cavaliere mascherato della Stradale?

L’episodio è stato seguito da un episodio analogo.
Mi piace molto andare in biblioteca. Le biblioteche hanno una sacralità che le accomuna alle chiese e alle sale del cinema. Certo, un conto è andare alla mia numero uno tra la Sesta Avenue e la 42esima, oppure alla mia numero 2, al Lincoln Center, nella bella piazza con la scultura di Calder ad accogliere i lettori. Ma dato che al momento quelle due libraries non mi sono accessibili, mi accontento di quella in Via Roma, detta anche West Point… Non è possibile infatti fare alcunché all’interno della biblioteca. Niente cibi, niente bevande, niente cellulare, niente.
Non che io abbia intenzione di trasformare la biblioteca nella sagra del fritto — voi che mi conoscete, sapete che non sono il tipo. Ma il primo giorno mi sono azzardata ad appoggiare una bottiglietta d’acqua sul tavolo, e un addetto mi è spuntato alle spalle, un falco tiratore direi, facendomi notare che avrei dovuto tenere “i liquidi” in borsa o per terra, categoricamente non sul tavolo.
Avrei tanto voluto investigare in merito ai solidi, ma ho fatto la faccia d’angelo (sterminatore) e ho annuito contrita.
Quanto al cellulare, non lo si può ovviamente usare nelle sale, e nei corridoi. L’unico posto ammesso sono le scale. C’è tanto di cartello che lo specifica — dopo la scena dell’acqua, mi guardo in giro guardinga come Lupin III.

L’altro giorno ho ricevuto una telefonata. Non era una telefonata di rabbia o lite o alcunché. Sulle scale intorno a me altre tre persone che parlavano al cellulare. Mi passa accanto una signora di mezza età — dentro un orribile paio di pantaloni fantasia che purtroppo non scorderò mai — e mi si rivolge indispettita, urlando, “Ehi abbassa la voce, dove credi di essere, guarda che siamo in una biblioteca, mica al casinò”.
“Ah davvero questo non è Montecarlo?”, mi sono lasciata sfuggire. Stavolta il magnifico annichilimento ha assunto le sembianze della battuta pronta. A volte succede.
Lei mi ha lanciato uno sguardo di fuoco e io ho pensato, adesso va e chiama Darth Vader.
La signora non era un’addetta. Al collo non aveva il cartellino degli addetti. Era una semplice utente. Anche lei, quindi, una versione de il braccio duro della coscienza civica, di cavaliera mascherata della biblioteconomia.
Ricordo di aver fatto particolare attenzione. Ero perfettamente consapevole, e rispettosa, del posto sacro in cui mi trovavo. Sapevo, dopo l’episodio dell’acqua sul tavolo che, trasgredendo, sarei potuta incappare in qualche sanzione e/o punizione corporale.
Ma mettiamo il caso che il tono della mia voce fosse stato effettivamente troppo alto — eventualità poi non così remota: chi conosce i miei decibel, sa. Tuttavia mi trovavo nell’area in cui parlare era consentito. C’erano altre persone impegnate al telefono, e non avevano considerato il mio tono troppo alto, non avevano chiamato le guardie (!).
Allora perché questa signora mi si è rivolta in modo così burbero?
Non poteva fare un cenno con la mano, o portarsi un dito alle labbra, o il classico “shhhh”?
Il bipede sulle due ruote, non poteva farmi capire in un altro modo che non era il caso che il mio corpo occupasse la corsia di autobus e taxi?
Perché i modi sono questi?

Ora, davanti a voi avete un Board parziale, assolutamente di parte, che vi riporta una lettera di de Blasio in cui New York è descritta come una “welcoming and inclusive city for all” e subito dopo vi riporta due episodi di ostilità trentina che sancisce la morte del fair play, del savoir faire, del bon ton, e di tutte le altre declinazioni delle buone maniere che riuscite a trovare.
Non pretendo che il mondo sia di parte come me. Ma semplicemente che pensi ai modi.
Sono convinta che l’eccesso di civiltà agito da mani incivili snaturi la civiltà stessa.
Se per applicare la civiltà, divento incivile, allora nego il mio intento. Divento io stesso incivile.

New York sarà anche una giungla, sarà spietata, sarà crudele, ma non mi è ancora capitato che qualcuno mi si rivolgesse così — piedipiatti a parte, ma quelli son cattivi di lavoro.
Sto parlando di “civili”.
Pertanto l’argomento della settimana su cui vi faccio meditare è questo. La civiltà incivile — il Festival dell’Economia è già lì lì per soffiarmelo come tema 2018. 🙂

Fortunatamente la settimana non è stata tutta all’insegna del rispetto selvaggio della legge (!).
Fortunatamente ci sono i miei Moviers che da un lato mi fanno arrivare profonde riflessioni sulle città e sull’imperfezione, il tema dell’ultima movie-mail — li ringrazio di cuore per i loro riscontri, siete strepitosi. E poi ci sono i Moviers che sono accorsi a vedere “Ritratto di famiglia con tempesta”, ovvero il WG Mat, il D-Bridge, l’(Andy)Candy[the] e, sorpresa delle sorprese, la Cristinacasaclima e il Date-a-Cesare-quel-che-di, la cui presenza imprevista mi ha fatto trasalire di goduria come in un film di Hitchcock. 🙂

Ryota è un padre, un figlio e un ex-marito che ancora non sa bene cosa fare della propria vita, né come farlo. Uno di quegli uomini dalle grandi premesse, dagli esiti moderati e dalle aspettative ridotte. Dopo aver vinto, molti anni prima, un premio letterario con il romanzo “La cena deserta”, finisce a lavorare come investigatore privato, faticando a sbarcare il lunario e a pagare gli alimenti alla ex moglie. Vive letteralmente in un buco di appartamento e va a trovare la madre per vedere come sta, ma anche per frugare in giro e racimolare qualche oggetto da portare al Banco dei pegni e giocarsi tutto alle corse. Ryota corrisponde all’identikit del fallito, al sognatore che non smette di sognare — il gioco d’azzardo non è che la perpetrazione dell’utopia, in fondo— che si rifiuta di andare avanti e vive immerso nella nostalgia per ciò che fu e non è più.
L’elemento che innesca il cambiamento è letteralmente meteorologico. Un tifone, annunciato in apertura, sta per abbattersi sulla città, e porterà Ryota, la madre, l’ex moglie e il piccolo Shingo sotto lo stesso tetto — quello della casa della madre — in una notte di confronto, di scontro e di ripresa.
Raccontato così, il film può anche non far gola. E in effetti, abbiamo convenuto anche con i Moviers, “Ritratto di famiglia con tempesta” non è cibo per tutti i palati. Pleonasticamente è proprio questo: il ritratto di una famiglia come tantissime altre, messo a confronto con un evento sovvertitore — la tempesta — che porta a galla non detti e sottintesi, per poi far ripartire la vita, più o meno come prima, ma con la consapevolezza che qualcosa è stato smosso, se non proprio cambiato.

Il bello della cinepresa di Kore-Eda è l’assoluta assenza di giudizio nei confronti dei suoi personaggi. Ryota, che sarebbe un bel bersaglio —immaginatevi una specie di Zeno Cosini + l’uomo senza qualità di Musil — non subisce processi da parte della mano del regista. E nemmeno la madre, vecchina tra l’adorabile, il saggio, il dritto e il rimba — diciamocelo. E nemmeno l’ex moglie, che di certo non ama il nuovo compagno, ma che lo sposerà perché le dà la sicurezza che Ryota non è stato in grado di darle. Kore-Eda osserva, ci fa osservare negli interni di queste vite che, nonostante la distanza geografica e culturale, somigliano incredibilmente a degli interni che abbiamo già visto: i nostri. I rapporti amore-e-odio tra fratelli —la sorella di Ryota, tenera e opportunista in parti uguali — le incomprensioni tra moglie e marito, la candida irresponsabilità del marito e la pianificazione wehrmachtiana della moglie. La madre che ha ingoiato milleun dispiaceri per colpa di un marito assai buonannulla che si giocava di tutto e di più, anche la raccolta di francobolli del piccolo Ryota.
L’atmosfera è intrisa di una lieve malinconia, che a tratti si fa giocosa, fin buffa, specie nei quadretti-siparietti tra la vecchina e Ryota, oppure quando Ryota esce in missione investigativa con il suo compare: Ryota è talmente inetto da non riuscire nemmeno a farla in barba al suo capo e verrà colto con le mani nel sacco.
La malinconia nasce anche dall’evidenza che certi sogni sono irrealizzabili. Ryota, per campare, deve accettare un lavoro di sceneggiatore di manga — rifiutato, anni addietro, dall’orgoglio dello scrittore premiato. La madre sa perfettamente che non potrà mai trasferirsi dal condominio in cui vive in una villetta — nessuno dei suoi due figli potrà mai permettersi di regalargliene una — né tantomeno riuscirà a entrare nel mondo, e men che meno nelle grazie, del facoltoso professore di musica che frequenta e che appartiene a un altro livello, sia economico che culturale.
I piccoli gesti e le piccole meschinità che i personaggi si rivolgono parlano la lingua universale delle famiglie. Certo opportunismo dei figli nei confronti dei genitori, certi ricatti psicologici dei genitori ai danni dei figli. E’ tutto scritto qui, in questo racconto dalle tante piccole azioni quotidiane, apparentemente insignificanti, ma verosimilmente struggenti. La scena iniziale in cui Ryota e la madre condividono una specie di granita fai da te perché il gelato costa e se lo mangiano quegli avvoltoi adolescenti dei nipoti, ti parla di certi ricordi d’infanzia, di certi stratagemmi condivisi che nascevano da una necessità e diventavano riti, momenti di intimità e condivisione.
La vecchina e Ryota sono i due personaggi centrali i cui dialoghi ti rimangono dentro.
“Hai mai conosciuto l’amore, Ryota, quello vero, quello che non ti fa pensare ad altro?”
“Mmm non so, e tu?”
“No, io non l’ho mai conosciuto, e forse è per questo che ho vissuto una vita così serena”.
Quanto c’è scritto qui dentro!
La vita senza quell’Amore trascorre quieta come un ruscello. E’ vita quella?
Domanda che il regista ci sottopone.
Oppure, altra perla della nonna, “Non ho mai capito perché gli uomini non riescono ad amare il presente. O si affannano a rincorrere quello che hanno perso o continuano a sognare l’impossibile”.
Davanti a tanta lucidità cosa possiamo fare noialtri?
Ma la vecchina sa essere anche tagliente. Sentite cosa dice al figlio… “Te lo ricordi questo mandarino? Non ha mai fatto né un fiore né un frutto, mi sembra assomigli a te…” — non ci va per il sottile, la nonnina…
A cui Ryota risponde: “Io sono uno di quei talenti che sbocciano tardi” — tipico giustificazionismo da quarantenne medio.
Non vi sembra uno scambio fra madre e figlio italiani?
E così come una madre italiana ricopre il figlio di attenzioni e cure fin quando il figlio ha di gran lunga superato gli –anta, così fa la nostra vecchina giapponese, che gli riempie il piatto tre volte, gli stira i vestiti, lo tiene a sé attraverso un gioco di ti-svelo-non-ti-svelo i tesori che potresti trovare nei cassetti e negli anfratti di questa casa…
Le madri sono delle dragonesse dalle quali i figli dipendono in maniera viscerale sino alla fine dei giorni di entrambi.

Su tutti questi personaggi incombe un cambiamento. L’ex moglie deve decidere se con il nuovo compagno le cose diventeranno serie. Ryota deve capire cosa fare da grande — soprattutto per riuscire a pagare gli alimenti del figlio. La vecchina deve convincersi che la sua vita è al capolinea e che forse avrebbe potuto vivere una vita diversa, ma che ormai è andata così. Apprezzabile l’idea del tifone che si abbatte su Tokyo — una Tokyo di periferia residenziale, lontanissima dalla metropoli tutta luci, colori, velocità e mascherine antismog che siamo abituati a immaginare — in una notte in cui sostanzialmente non cambia nulla, ma dalla quale tutti si risvegliano un po’ diversi.

Come dicevamo “Ritratto di famiglia con tempesta” non è un film per tutti. Non a tutti piace intravedere l’universale nelle pagine di una storia particolare che ti viene raccontata. Ed è questo ciò che il film ti propone. La vita di tutti i giorni in cui c’è molto ma molto di più della vita di tutti i giorni…

La settimana scorsa dicevo che il regista mi è sconosciuto. Ebbene, mi si prescriva del fosforo, please…. Ho scoperto che “Father and Son”, fu un splendido Lez Muvi che vedemmo nel 2014 — riproponeva la favola del figlio scambiato alla nascita tra due famiglie, una ricca, fredda, costruita attorno al figlio unico avviato al successo, l’altra più modesta, incasinata ma affettuosa. Ve lo riporto nel Maelstrom.
Rileggendolo, ho provato una tenerezza infinita per i miei Moviers che ora sono pure Anti!!

E questa settimana, vista la penuria cinematografica, opto per un azzardo

WONDER WOMAN
di Patty Jenkins
USA, 2017, ‘141
Lunedì 12/Monday 12
Ore 22:00 / 10 pm
Multisala Modena / Lo Smelly

Fermi, lo so cosa state esclamando dentro le vostre belle testoline.
“Wonder Woman??”
“Tu, Board dalle scelte giapponaute??”
Ebbene, costretta dalla penuria di programmazione cinematografica, sì, Wonder Woman.
Wonder Woman anche per vedere come Hollywood dipinge un’eroina su cui milioni di ragazzine hanno fantasticato — il suo look red, blu and gold ha forgiato l’immaginario stilistico come solo Jems e le Olograms — e su cui milioni di ragazzini hanno fantasticato — mutanda da pallavolista + corpetto burlesque, stivali taccati e armi di distruzioni di massa infilate in posti segretissimi, che dovevano fare ‘sti poveri ragazzini??
Sarà bello metterla a confronto con Batman, Superman e i supereroi che il cinema ci ha presentato. E vedere che ne esce… 😉

E anche per oggi, Moviers, è tutto.
Un’altra settimana d’esilio è passata, con pena, ansia ed esagerazione. 🙂 Ma il giorno del giudizio è vicino, Fellows! E io mi farò trovare pronta, anzi no, prontissima!
My love is a-waiting… 😉

Ringraziamenti, tanti, e saluti, stasera, missivamente cinematografici.

Let’s Movie
The Board

MOVIE-MAELSTROM“This can be nothing else than the great whirlpool of the Movie-Maelstrom…” (E.A. Poe rivisitato dal B(o)ard

Recensione-pippone su “Father and Son”, Aprile 2014 – Che tenerezza infinita!!!!

Volando dal Mastro con un mantello da Bat-Board (veri entrambi, il volare e il mantello), non so se son più Movier o Bat-Board, ma diciamo che tiro l’acqua al mio mulino e mi conto come Movier :-); l’Anarcozumi stringe immediatamente un’intesa politica con un nuovo Movier che il tycoon di Trentoville, il Fellow Onassis Jr ―Donald Trump, please stop crying― ha abilmente recruitato. Ora, questo nuovo Fellow si chiama Ale (“-ssandro” o “-ssio” è un dato persosi nel bailamme generale, ma indagheremo), e si è presentato con un’andatura sostenuta ―apprezzatissima, you know― e un sonoro “Contesto!” ancora a una cinquantina di metri dall’ingresso dell’Astra. Capirete che l’intesa con l’Anarco, leader storica e maxima della frangia insurrezionalista lezmuviana, sia scoccata subito. La cine-identità del nuovo Fellow è stata oggetto di vivaci scambi d’opinione, ma alla fine s’è deciso per “Fellow Divergent” perché nella vita non ci sono straight ways, emmenomale.
Il quinto Muvier è il Fellow The Candy Andy, la cui presenza è stata appesa a un filo per tutto il giorno, ma alla fine ha superato la crisi e ce l’ha fatta ―grazie a dello scapicollo e a dello stomacovuoto che lo inseriscono nella graduatoria dei “Flashing&Fasters Fellows”. Il sesto Movier è una lei, la Fellow Vanilla, arrivata mentre scorrevano i titoli di testa, sfiorando così il pericolo massimo di perdita dell’inizio, e raccogliendo per questo coraggio bracciate di complimenti e pacche sulle spalle da quel bracciante del Board.
Ovviamente non scendo nel dettaglio della caciara che facciamo all’ingresso e all’uscita, dei discorsi cominciati da una parte e finita da tutt’altra, o lasciati a metà per far posto ad altri, che a loro volta fanno spazio ad altri, ad infinitum. E credo che i dieci buoni motivi per non perdere Lez Muvi in fondo siano sintetizzabili in quest’atmosfera di casino generale, di Moviers persi tra il bistrot dell’Astra e il bancone del Mastro e il bagno e l’ingresso e la Sala. In quell’istante di conversazioni tronche e sbotti di risate ―tante ― lì, prospera florido Let’s Movie.
Funziona così, “Father and Son”. Ci sono due famiglie. Una, padre-madre-figlioletto, vive nei quartieri alti di Tokyo. Ha un bell’appartamento all white&high-tech con vista sulla sky-line della city, tutto molto ordinatino-perfettino. Sono della Tokyo bene, insomma. Lui, Ryota, architetto yuppi tutto-lavoro zero-tempo, lei, Midori (sì esatto, come la migliore amica di Mimì Ajuara, bravi) moglie-madre devota, il figlioletto, Keita, trattato da piccolo-prinicipe versione giappo. Ryota, che poi è il vero protagonista del film, è freddo, Rottermeier, ‘na noia, assolutamente incapace d’instaurare un rapporto d’affetto con il figlio.
L’altra famiglia, padre-madre-tre-figli, vive nei sobborghi metropolitani, fa la spesa alla Lidl, e fatica ad arrivare a fine mese. Il padre però, lo sciatto e affettuosissimo Yudai, vive PER la famiglia: ricopre d’attenzione i figli, si diverte con loro: è il padre che ogni bambino vorrebbe avere.
Un giorno di novembre questi due pianeti famigliari così lontani, improvvisamente, collidono: l’ospedale in cui le due donne hanno partorito, 6 anni prima, li informa di un possibile scambio dei neonati. Dopo gli esami del caso, le famiglie scoprono di aver cresciuto il figlio biologico dell’altra famiglia.
La soluzione proposta dall’ospedale e dalla legge prevede lo scambio graduale dei figli, cominciando pian piano con i weekend. Il problema è che Keita, il figlio dello yuppi anaffetivo, si ambienta subito nella casa di Yudai, mentre Ryusei, il figlio del daddy-of-the-year, non ne vuole proprio sapere di adattarsi alla dittatura del nuovo loft in centro (pazzo!).
Il tropo dei figli scambiati nella culla è stato esplorato dalla letteratura ―penso a “I figli della Mezzanotte” di Salman Rushdie― e sicuramente anche dal cine (ma al momento non mi vengono in mente), ma è proprio impossibile non pensare “quando il cinema previene la realtà” in questi giorni, in cui dalla culla scambiata siamo passati all’utero scambiato. Ovviamente mi sto riferendo al caso verificatosi all’Ospedale Pertini di Roma la settimana scorsa, in cui l’errore umano ha determinato l’impianto di un ovulo fecondato nel grembo sbagliato, facendo esplodere un dilemma bioetico la cui risoluzione sembra praticamente impossibile.
Il dilemma che ci vien offerto in questo film è il medesimo. Conta di più il sangue oppure gli anni passati insieme? Cosa fa di un padre un padre? Il corredo genetico? Le volte in cui ti preme un cerotto sopra un ginocchio sbucciato, una carezza sulla testa? L’asettico Ryota non può che essere della scuola genetista, e quindi s’impunta per rivolere la “carne” che gli è stata ingiustamente sottratta. E in questo spietato scherzo del destino crede di trovare tutte le risposte: si spiega la mediocrità di Keita, incapace di suonare il pianoforte, privo di carattere, eccessivamente sensibile. Keita, così mediocre, così diverso da lui, NON può essere suo figlio…E allora no, rivuole quello che gli spetta ―Shylock strizza l’occhio, dalla Venezia shakespeariana…
Ryota abbozza un sorriso di trionfo (lui, così privo di sorrisi) quando il figlio naturale tira fuori tutto il suo carattere insistendo sulla domanda: “Perché devo chiamarmi così? Perché? Perché? Perché?”. Ryota vede in questa tenacia, la sua tenacia, vi ritrova la sua stessa geometria genetica. La vittoria della razza.
Ma poi qualcosa cambia dentro di lui. Quando Ryusai scappa dal loft e torna nella sua casina di periferia (pazzo x 2!), con le piastrelle scombinate e il microgiardino incasinato sul retro. Quando trova per caso delle foto che Keita gli ha scattatato a sua insaputa, ritrovando attraverso quegli scatti lo sguardo affettuoso di un bambino nei confronti del proprio padre. Quando capisce che Keita gli manca, e che le geometrie genetiche non potranno mai sostituire il teorema d’amore che si cela dietro cerotti e carezze, allora capisce cosa deve fare…
Dicevamo con il Fellow Candy Andy The che il perno attorno al quale questo film ruota è la crescita, ma non del figlio, bensì del padre. Ed è anche questo che rende il film originale, e lontano dalla solita prospettiva catto-mulinobianca.
Il percorso evolutivo paterno matura allegoricamente in una foresta artificiale, un’analogia spaziale in cui si radica il turning-point per il personaggio e il film. Il biologo forestale informa Ryota che ha impiegato 15 anni a crescere la foresta ricreando l’ecosistema naturale da zero. Ryota, stupito, ribatte: “Così tanto?”. Il biologo, con sguardo da saggio-a-bordo-fiume, risponde a tono con una stoccata retorica: “Per lei è tanto?” ―scena, questa, che ha colpito anche la Fellow Vanilla.
La famiglia è così, un’ecosistema che ha bisogno di pazienza, cure, tempo. Quantità di tempo, non qualità ―com’è di moda di dire in questi anni. Il semplice bottegaio Yudai, nella sua semplice bottega, con i suoi pochi mezzi, è stato in grado di crescere un bosco incantato, dove tutti i bambini vogliono giocare. D’altro canto il Manager Ryota, con l’attico, le regole, i giocattoli di lusso, e le poche ore sottratte al lavoro nel weekend, si trova da solo in uno spiazzo infestato da erbacce. Il film è molto giapponese in questo: è un’allegoria, ricorda una parabola, o una favola. I personaggi sono dei tipi, ma non rimangono fluttuanti in superficie: il regista dal nome impronunciabile fa un lavoro di fino e li osserva a lungo, entra dentro di loro, tutti quanti, mogli, bambini, padri. Persino i nonni, per quanto figure marginali entrano nell’analisi dell’opera, sia di persona, sia attraverso gli aneddoti raccontati dai protagonisti, tipo questo:
Ryota: “Mio padre non era tipo da far volare gli acquiloni”.
Yudai: “Tu non devi fare come tuo padre. Tu falli volare”.
Guardate quanta storia e psicologia concentrate in due battute. La mancanza dell’affetto paterno subìta dallo stesso Ryota. La coazione a ripetere che porta Ryota ad applicare lo stesso atteggiamento con il figlio. La necessità di spezzare questo circolo vizioso, e cambiare il trend.
Come ho vissuto io il film? Be’ sono stata sulle spine tutto il tempo. Tutto il tempo ad aspettare qualche svolta sanguinolenta, tipo ritorsioni violente da parte dei figli… Ryusai che assassina l’odioso Ryota, oppure Keita che si suicida ―come il figlioletto di Jude, in “Jude The Obscure” (imperdibile!). Sapete com’è, il cinema orientale ti abitua all’efferato di sorpresa! Questi mancati atti violenti hanno reso l’happy-ending, per una sacrosanta volta nella mia cine-vita, benaccetto e quasi sperato! Arrivato sulle ali delle un-po’-abusate Variazioni Goldberg di Bach in maniera tanto inattesa, il finale, mi ha fatto sospirare di sollievo.
Quanto al lato formale del film, non so se i Moviers presenti concorderanno, ma a me, queste inquadrature lentissime, della macchina da presa che parte a sinistra, e lentamente, lentissimamente avanza verso destra, quest’andatura narrativa come se l’obiettivo scrivesse questa evoluzione piuttosto che mostrarla, mi risulta una tecnica godibilissima ―ogni scena una pagina letta pian pianino. Così come certe inquadrature ben studiate. La tromba di un giroscale, un trapezio isoscele (del trapezio isoscele non ricordavo nemmeno l’esistenza); l’intrico di fili della luce (Fellow Vanilla‘s courtesy); un robottino su un tavolo. Il rigore formale della regia giapponese è una grammatica che dovrebbe essere insegnata alle elementari.
Poi non so, e qui potrei anche lavorare troppo di fantasia, ma mi sembra che il regista non valichi mai certi limiti. I personaggi sono trattati con rispetto. Anche l’ostico protagonista. Di lui viene fornito un quadro umano molto “umano”: non è trattato da “cattivo” o da nemico. Once again diceva benissimo il Fellow Candy sull’”umanizzazione dei caratteri”…e l’astensione del (pre)giudizio, aggiungo io.
Per amor di verità devo dire che all’Honorary Member Mic il film non è piaciuto per niente (e lei è una sinologa, quindi sguazza nei mari giapponauti, quindi ascoltiamo anche il suo giudizio), e anche l’Anarcozumi è rimasta tiepidina. Sarà che io ero tutta ringalluzzita dai 6 Muviers 6, sarà che la questione della paternità, quando viene trattata in termini così poco strillati e mucciniani, più per silenzi e immagini, è una tematica cui sono sensibile; sarà che un rapporto si descrive anche attraverso una foto, grafia o gramma che sia, senza ricorrere a liti furibonde fra salotto e cucina; sarà tutto questo o altro, ma io promuovo il film, e lo consiglierò a chi è disposto a osservare la storia con l’occhio dell’impotenza: siamo impotenti davanti a questioni come queste. Non possiamo fare altro che guardare, formulare delle ipotesi, cancellarle e riscriverle, e ancora cancellarle e riscriverle.

WONDER WOMAN: Prima di diventare Wonder Woman, era Diana la principessa delle Amazzoni, cresciuta su un’isola paradisiaca ben nascosta e addestrata a diventare una guerriera invincibile. Quando un pilota Americano compie un atterraggio di emergenza sulle sue sponde e racconta di un enorme conflitto scoppiato nel mondo esterno, Diana abbandona la propria casa convinta di poter porre fine alla minaccia. Combattendo al fianco dell’uomo in una guerra che metta fine a tutte le guerre, Diana scoprirà i suoi pieni poteri… e il suo vero destino.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Leave a Reply