LET’S MOVIE 349 da NYC commenta “WHOSE STREETS?” di Sabaah Folayan e Damon Davis

LET’S MOVIE 349 da NYC commenta “WHOSE STREETS?” di Sabaah Folayan e Damon Davis

Massachusets Moviers

e Connecticut. Questi due “staterelli” che mi hanno visto passare, un paio di settimane fa. Prima lui, il Connecticut, in ordine di passaggio. New Haven, per la precisione.
So l’effetto che fa sentire questi nomi dall’Italia. Prima di venire qui, erano pura immaginazione cinematografica. Ora sono la realtà. Nel caso di New Haven, realtà di una cittadina tranquilla, piena di olmi e di studenti. L’Ivy League ha deciso di trionfare per le strade da quando qualcuno decise, un bel giorno, che l’Università di Yale sarebbe stata aperta lì.
Uno non va a New Haven per gli olmi e gli studenti, a meno che voi non siate dei botanici, oppure botanici amanti di studenti, oppure studenti amanti dei botanici (!). Io non sono né l’uno né l’altro né quest’altro, quindi checci faccio a New Haven, Connecticut?
Questa cittadina ospita uno dei più preziosi e meno noti musei di tutta la costa est degli Stati Uniti. Si tratta della Yale Art Gallery che non spunta in un anonimo edificio fra studentati e Shake Shack — il Shake Shack è la versione millennial di McDonald’s, segnatevelo. La Yale Art Gallery è collocata in un edificio firmato da Louis Kahn — e qui i miei Moviers architetti vanno in visibilio. 🙂
E voi lo guardate da fuori, dalla parte della parete di mattoni rossi, e magari non vi dice granché. Ma poi gli fate il giro, e allora capite. Vi trovate davanti a una colata di vetro. Una griglia di finestre, su su dal cornicione fin giù giù al livello della strada. E se vi mettete sull’angolo, per vedere entrambe, il contrasto vi fa pensare che due volumi distinti si siano dati appuntamento lì, e lì abbiano intavolato un discorso che continua dal 1953, l’anno in cui s’incontrarono, con tutta la loro munumentalità — e forse nel 1953 non era così semplice, far parlare mattoni e vetro in maniera così netta, così sfacciata.
Fosse a NYC, la Yale Art Gallery sarebbe detestata da MoMA e MET. Cercherebbero di boicottarla in ogni modo: una competitor così farebbe paura anche a due giganti così. Ospita la bellezza di cinque Hopper mozzafiato, un angolo dedicato al nostro Giacometti, e poi il famoso badile di Duchamp, che il genio di Duchamp lo portò a intitolare “Anticipo del braccio rotto” — Marcel, tu es un génie. E poi Cy Towmbly, Richard Morris, Mirò, Grosz, Rothko, il Mondrain più bello che io abbia mai visto, finalmente privo dei rossi e dei gialli L’oreal. E poi due Van Gogh tra cui “Le Café des Artistes”, che fino a due settimane fa per me esisteva soltanto nel manuale di storia dell’arte del liceo. E poi il Ghirlandaio e Rubens. E se siete degli appassionati di arte africana, arte delle popolazioni amerinde ed arte antica, potreste rinchiudervi per delle ore e riemergere completamente ebbri e stravolti, elettrizzati e stanchissimi. Io sono uscita in quello stato avendo visitato solo i piani di arte moderna e contemporanea, con un salto rapido da Hieronymus Bosch e l’800 europeo. Mai potresti immaginare che nel mezzo del Connecticut, uno staterello con un nome da elfo, vi potete imbattere in un tesoro di simili proporzioni — peraltro a ingresso gratuito, elemento che rende la visita ancora più juicy. Questa Gallery ha lo stesso fattore “sorpresa” della Barnes Foundation di Philadelphia — ve la ricordate? Perché anche lì, nella tranquillla Philly, tra Rocky Balboa e cheese steak, mai potresti immaginare tanta grazia.

Poi ogni volta che m’imbatto in un angolo Giacometti, in un Balla, in un Ghirlandaio, sento i miei geni fare le capriole — come quando le donne incinte mangiano zucchero e il bimbo nella pancia fa il matto. Ecco. Mi sento così. L’estasi di appartenere alla terra che ha generato tanta bellezza. E dimentico tutto. Il paese dei trasformismi politici, delle promesse mai mantenute. Del garantismo che sconfina nell’omertà e della pubblica amministrazione soprofitica.
Quando senti nominare “Salvator Mundi” e 400 milioni di dollari, oltre a pensare al marketing e all’expectation-building micidiali di cui sono capaci da Christie’s, pensi, damn, Leonardo è dentro di me. Dentro ogni italiano.
Con tutto questo in testa me ne esco dalla Gallery e su, si va a nord-est, Massachusets. Ahmerst, per la precisione. Campi di zucche, chiese di legno bianco, l’immacolata perfezione concepita dalla provincia, in cui tutto sembra scritto. In cui perfino la caduta delle foglie sembra seguire un disegno. La geometria del quieto vivere.

Ahmerst perché al 280 di Main Street, sorge la casa di Emily Dickinson. E se poco poco conoscete la poesia del mondo, sapete che Emily Dickinson è LA poetessa americana, insieme a Sylvia Plath. Emily ha vissuto tutta la vita lì, ad Ahmerst. Si dice che negli ultimi anni, sempre di bianco vestita, non abbia mai lasciato camera sua. La casa, oggi museo, è rimasta intatta. Gialla con gli scuri verdi, il piccolo porticato, il bel giardino tutt’intorno. Se volete vederla cinematograficamente, “A Quiet Passion”, il mediocre biopic uscito lo scorso anno che cerca l’inarrivabile: arrivare a cogliere il mistero dietro la figura di questa poeta pazzesca.
La mia visita è stata funestata dalla solita intransigenza stelle-e-strisce, quella contro cui un animo diciamo un filo bisbetico (!) si scontra sempre. Siccome non ho prenotato la visita accompagnata — e non l’ho prenotata perché non è che pianifichi sempre tutto, gimme a break — e siccome la casa, per motivi di sicurezza, si può visitare solo in un tour accompagnato, con un massimo di 12 teste visitanti per volta, e siccome al momento il registro dice “fully booked”, niente visita.
Cerco di appigliarmi a ogni appiglio possibile, a ogni motivazione, vera, presunta, farlocca, mafiosa, minacciosa. Sono una poeta, sono una giornalista, sono venuta dall’Italia apposta e poi devo rientrare (!), sono disposta a pagare un extra, il doppio, c’è un superiore? Niente, né arte né pecunia né malattia che ti lascia poco meno di un mese di vita né nulla osta papale né grazia concessa dal Presidente della Repubblica Italiana o degli Stati Uniti d’America. Nulla, nulla può nulla contro il No Pasaram americano.
Tutto ciò mi manda in bestia solo come i favoritismi italiani. E alla fine non sono altro che due facce della stessa medaglia, in cui di mezzo ci finisci sempre tu.
A ogni modo, ho imparato a non lasciarmi rovinare nulla dai paletti piantati dall’intransigenza americana. Ho perlustrato in lungo e in largo il giardino. Con quella grossa quercia nel mezzo. E poi il portico. E poi ho guardato molto su, a quella finestra da cui lei avrà guardato giù un’inifinità di volte, cercando di capire un po’ come funziona, questo strano macchinario dell’esistenza. Lei sicuramente ci ha visto più di me. Io sto continuando a cercare.
Quando, nel lontanissimo 2004, lessi la magnifica biografia che di lei scrisse Marialuisa Bulgheroni, “Nei sobborghi di un segreto”, mai avrei vagamente sognato che un giorno avrei toccato con piede il terreno che la accolse per tutta la sua vita. Guardato quella luce che lei tante volte avrà guardato.
La vita è stravagante e imprevedibile. Tutto sta a lasciarglielo fare.
E quando poi, alla fine di una giornata upstate, come dicono qui, rientrate verso New York City, e superate una fascia di traffico che sembra quasi volervi impedire il rientro sull’Isola, è lui, il mio ponte del cuore, a darvi il bentornato, alla vostra destra.
Devono aver combinato qualcosa con l’illuminazione.
Digredisco — digredisco??
E’ una pratica molto newyorkese, quella di armeggiare con le luci di ponti, grattacieli, e building vari, fra cui, primo tra tutti, inevitabilmente, l’Empire State. Io sono sempre alquanto scettica verso i giochi di luci. Il pericolo “Bollywood” è sempre in agguato. Il kitsch non conosce riposo settimanale. Quindi quando l’Empire diventa viola, o verde mela, oppure quando certi palazzi del Jersey, di là dall’Hudson, schizzano blu elettrici, be’, capite, io rimango molto molto perplessa. Ma questa volta, i light-designer che hanno ripensato l’anima luminosa del George Washington Bridge, hanno fatto un lavoro con i fiocchi. Spicca d’uno splendido bianco metallico — non bianco sposa, bianco metallico — che gli dà un’aria da oggetto di design, una lampada che qualche Castiglioni avrebbe potuto disegnare dopo aver scambiato quattro chiacchiere con un qualche Sol LeWitt.
Io ho sorriso tronfia. Il George Washington Bridge è il mio ponte. Vederlo così in tiro, così da gara, mi fa sentire estremamente orgogliosa.

E quando siete arrivati, con la provincia che preme da nord, e voi al sicuro sull’isola, dove la provincia non potrebbe mai raggiungervi, nemmeno lo volesse, perché c’è l’Harlem River di mezzo e si provi, lei, ad attraversarlo, tirate un gran sospiro di sollievo. E cominciate a maledire il caos, i prezzi, la frenesia, those damned tourists and that damned wind… But oh boy, siete al sicuro sull’isola. 😉

Il film di questa settimana non è un film. E’ un documentario, “Whose Streets?”, di Sabaah Folayan e Damon Davis. Sono andata al Lincoln Center a vederlo, l’altro ieri, durante un evento anti Black Friday — e che il Black Friday sia arrivato anche in Italia, m’inquieta assai: stiamo importando l’America che non vale proprio la pena d’importare: Halloween, Black Friday, Starbucks (i primi due aprono a Roma, l’avrete sentito, sì?).
Venerdì si celebrava il “Blackout for human rights #blackoutblackfriday”, la quarta edizione di un call-to-action nazionale che incoraggia le persone ad astenersi dallo shopping e a praticare attivismo culturale, protestando così contro l’ingiustizia economica e sociale presente negli USA.
Ora, io non sono certo una che pratica o predica l’astensione dallo shopping — anche se qui a NYC, lo crediate oppure no, è l’ultima cosa a cui penso, con tutto quello a cui c’è da pensare. Sono per la libera spesa in libero stato :-)…  Credo che uno possa fare prima quello, e poi partecipare all’attivismo culturale dirigendosi al Lincoln Center. Cosa che ho fatto. Non credo che l’uno debba necessariamente escludere l’altro. E se così invece deve essere, be’, possa io bruciare tra le fiamme dell’inf-ashion. 🙂

Presentato con successo all’ultimo Sundance Film Festival, e pure al Festival Diritti Umani di Lugano (!), “Whose Streets?” racconta l’anno che seguì l’agosto del 2014 a Ferguson, Missouri, dove il diciottenne Michael Brown, afroamericano disarmato, venne brutalmente ucciso da un agente bianco.
I registi si sono serviti di immagini amatoriali, voci dei protagonisti e hanno lavorato lì, sul campo, a Ferguson, con l’obbiettivo di documentare le assurdità che sono successe dopo l’assassinio. Dico assurdità perché il linguaggio, per quanto lo frughi, non mi restituisce altro modo con cui definire quanto è successo.
Dopo l’uccisione del ragazzo, la comunità nera di Ferguson è scesa in strada per farsi sentire. E non solo la comunità di Ferguson, ma anche genitori, artisti e insegnanti provenienti da tutto il paese, che si sono diretti in Missouri per sostenere la causa della libertà e della giustizia. Questo non è piaciuto alle forze dell’ordine, che sono scese in strada pure loro. Si è arrivati alla vera e proria guerriglia armata. Con negozi incendiati, lacrimogeni, manganelli. Scene da un G8 mai dimenticato. Le tensioni razziali e gli scontri sono arrivati a un punto talmente insostenibile che il governatore del Missouri ha acconsentito all’intervento della Guardia Nazionale.
Decisione, questa, avvallata dall’Amministrazione Obama — non certo l’avvallo più apprezzato della storia obamaniana. Vedere la Guardia Nazionale fare il proprio ingresso, con autoblindo e soldati pronti ad andare in guerra, ha aizzato gli animi ancora di più. “This ain’t no fuc*ing Iraq!” senti strillare durante il video. E seguono immagini “prevedibili” di scontri, pestaggi, su uno sfondo altrettanto prevedibile. Il fumo dei lacromogeni, le vetrine spaccate, i cittadini protestanti atterrati e malmenati.
Ciò che rende particolare “Whose Streets?” sono due figure che puntellano il documentario dall’inizio alla fine. Brittaney e la compagna. Due lesbiche attiviste che si mettono in prima linea per difendere la loro comunità e insegnare alla figlia di 9 anni cosa significa “care”. Non essere indifferenti. Combattere per quello che non va.
Mentre asoltavo Brittaney sostenere la necessità di educare la sua bambina alla politica sin da piccola, e di farla crescere nella consapevolezza, sentivo una parte di me annuire, e l’altra dissentire in nome dell’infanzia, la santa terra che nessuna consapevolezza politica dovrebbe deturbare. Ma immagino che nel 2017 non ci sia più posto per un’infanzia del genere, sadly enough.

Piccolo dettaglio. Darren Wilson, il cop bianco che uccise senza apparente motivazione Mike Brown, è stato proclamato innocente dal Gran Giurì. Molti poliziotti e soldati antisommossa che partecipavano agli scontri, portavano al polso un braccialetto con la scritta “Darren Wilson”. Questo per dirvi quanto desiderio di placare gli animi e dimostrare compensione ci fosse nelle forze armate…
La co-regista Sabaah Folayan era presente al Lincoln Center. “L’idea era di scendere in strada e capire veramente come sono andate le cose. Lo abbiamo fatto e abbiamo capito che quello che ci raccontava la televisione era in contraddizione con quello che vedevamo sul campo. Questo film è il tentativo di raccontare senza filtri quello che abbiamo registrato durante quelle notti di protesta”. Con il co-direttore Damon Davis, hanno cercato di far uscire l’aspetto privato delle vite di un gruppo di manifestanti instaurando con loro un legame profondo, intimo, che è il punto di forza del documentario.
Non so voi, ma io ho un vago ricordo di quello che successe a Ferguson. Rammento il fatto che gli scontri non solo non si placavano, ma andavano aumentando. Ma è tutto molto vago e non ricordo come tutto si concluse. Certo nessuno disse dei braccialetti in supporto a Darren Wilson.
Mi chiedo quanti rammentino. Mi chiedo se non ci sia rimedio contro l’oblio che i media, social e non, alimentano, con il flusso inarrestabile di fatti riportati, notizie, opinioni, parole.
La mia speranza è che questo documentario arrivi in Europa, in Italia. Che mostri, e che faccia parlare.

E anche per stasera è tutto, Fellows. Ma prima di fuggire via, date un’occhiata al Maelstrom, giù di sotto — mi piace, ogni tanto, far riemergere il Maelstrom, la sezione in cui vortica laqualunque.
Ho trovato qualcosa da farvi fare martedì a Trentoville, con la complicità del Fellow Lumière… 😉
Frunyc II aggiornato, come sempre, e saluti, stasera, americanamente cinematografici.

Let’s Movie
The Board

MOVIE-MAELSTROM – “This can be nothing else than the great whirlpool of the Movie-Maelstrom…” (E.A. Poe rivisitato dal B(o)ard)

Il nostro Fellow Lumière, al secolo musicista Michele Kettmeier nonché compagno di avventura nel nostro ARTPOT, non riesce a stare fermo un attimo. Quindi martedì, vi invita tutti dal Mastro all’Astra per assistere all’ultimo progetto di musicazione dal vivo di film muto del gruppo Radio Days movie, ovvero il lungometraggio Storia di erbe fluttuanti” di Yasujiro Ozu.
Ora, io martedì sono alla Brooklyn Academy of Music detta anche BAM, per “The Fountainhead” — 4 ore di pièce in olandese, molto peggio della fantozziana Corazzata Kotionkin — e non potrò esserci. Ma voi, Moviers trentini, ci sarete per me, vero? Non ve/me lo perdete per nulla al mondo! Evento absofu*kinglutely must-see!!

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Leave a Reply