LET’S MOVIE 377 da NYC commenta “THREE IDENTICAL STRANGERS” di Tim Wardle

LET’S MOVIE 377 da NYC commenta “THREE IDENTICAL STRANGERS” di Tim Wardle

Mentre, Moviers,

pedalavo alla volta di Brighton Beach, ieri, godendomi a pieno quest’ondata di caldo subsahariano che per qualche ragione geotermica sta benedicendo New York — i newyorkesi, tuttavia, tendono a credere alla teoria della maledizione, ed emettono un comunicato di “emergenza caldo” dietro l’altro— mentre costeggiavo l’Hudson, solleticavo la pancia a Battery Park, scalavo il Brooklyn Bridge —facendo slalom fra i manifestanti anti-Trump e pro-immigration— facevo il punto della settimana, e mi sono ritrovata davanti a uno stato dei fatti piacevolmente sconcertante.
New York City è una città socialista.
Di più.
New York City è una citta comunista.

Accostando la Grande Mela a Falce e Martello, non punto a fare la macedonia (!), e spero di non finire in qualche lista nera, maccartista o trumpiana che sia. Ma ripeto, l’evidenza delle cose, mi porta ad affermare il fino-a-ora inaffermabile.

Scesa dal Brooklyn Bridge ho dovuto mettere in pausa i pensieri per qualche km, e concentrarmi sul percorso. Il traffico lungo Flatbush Avenue rasenta le vette della Quinta Strada. Poi una volta che siete arrivati a Prospect Park — Prospect Park sta a Brooklyn come Central Park sta a Manhattan — quando arrivate lì, e prendete Ocean Parkway, procedete dritti dritti e tranquilli per quaranta minuti, fino ad arrivare al mare, dopo 40 km da che siete partiti dall’Upper West Side.
Se fate collidere i boulvard di Parigi e Wilshire Blvd di Los Longeles, come risultato avrete Ocean Parkway. Un viale interminabile che da Brooklyn vi porta all’oceano — Brighton Beach, Coney Islands rimane sulla destra, e Manhattan Beach sulla sinistra. E’ una gran bella strada alberata, con la sua ciclabile da un lato, il suo percorso pedonale dall’altro, e tutta una sfilza di casine bonton che fanno a botte con l’idea che ti fai della Brooklyn profonda, quella dello spaccio nei corridoi dei casoni popolari e delle sparatorie fra bande di rapper cattivissimi. Le casine bonton — anche bonbon, se vi piacciono i dolci — sono di mattoni rossi, hanno il tetto a punta che ti porta in Carinzia — proprio nell’intimo — due metri quadri di “giardino” inutilizzabile ma verdissimo, la bandiera americana a completare il quadretto. E naturalmente, il cop del quartiere che mi guarda ringhiando quando scatto un paio di foto alle casine.
Lungo la strada, tanti, tantissimi ebrei con la kippah sulla testa, oppure quei cappelli neri che si chiamano shtreimel, e quei completi di feltro nero che riescono a non far squagliare il corpo al suo interno nonostante i 35 gradi esterni.
Sfilando davanti a queste casine, mi chiedevo, ma questi, votano per Trump? Hanno le credenze in sala da pranzo piene di argenti mai usati, il cellophan sul divano e il frigo stipato di cibo “nutriente”? Oppure sono talmente democratici, talmente progressisti, talmente “let’s go back to the countryside”, da fuggire Manhattan per ritirarsi a una vita “più a misura d’uomo”, come dicono gli amanti dei righelli?
Non so dare una risposta a questo dubbio.

A ogni modo, quando siete su Ocean Parkway, potete lasciar il pensiero libero di correre spensierato (!). Anzi, vi consiglio di farlo. Il viale è talmente lungo, talmente interminabile, che star dietro alle corse dei vostri pensieri vi farà arrivare a destinazione senza nemmeno accorgervene.

E penso che questa settimana le 54 piscine pubbliche di New York hanno ufficialmente aperto i cancelli ai newyorkesi, che, dicevo, fanno la guerra al caldo con ogni modo e mezzo. New York è grande, ma 54 piscine a me sembrano tantissime. Tuttavia, per quanto il numero potrebbe passare come il pezzo forte della notizia, il vero pezzo forte della notizia sta nel “pubbliche”.
“Pubbliche” significa gratuite.
In 54 complessi acquatici all’aperto, da fine giugno a fine agosto, dalle 9 am alle 7 pm, potete andare a farvi il bagno a gratis. E qui non c’entra lo sport. L’iniziativa serve per dare refrigerio ai newyorkesi sul piede di guerra, e raffreddare animi e corpi, in senso fisico e figurato. Quindi l’immagine che dovete immaginarvi è quella di un rettangolo azzurro, più o meno olimpionico, straripante corpi. Un litro di acqua per 100 kg di carne, la proporzione, se volete cucinarvi una piscina newyorkese.
Il nuoto, ovviamente, non è concepito in vasche da ammollo di quel livello. I natanti parcheggiano i loro sederi nell’acqua e ce li tengono il più a lungo possibile. Poi naturalmente c’è la categoria “argento vivo”, e no, non sono i senior, sono i bambini/gli adolescenti che, come tutti i bambini/gli adolescenti del mondo, non stanno fermi un secondo e fanno impazzire tutti, genitori, tate, bagnini, Board, tutti.
Se un po’ mi conoscete, già sapete che questo quadro non corrisponde esattamente all’idea di arte balneare che ho io, e che tanti newyorkesi appassionati di nuoto hanno. E figuratevi se New York trascura i suoi nuotatori.
In otto di queste 54 piscine c’è il programma “lap swim” — il far vasche senza essere disturbati dall’umanità in ammollo e dall’argento vivo. Il programma è al mattino, dalle 7 am alle 8:30 am, ovvero prima dell’apertura al pubblico. Basta iscriversi: il numero è chiuso, quindi bisogna agire in fretta. Ti rilasciano una tessera, e tu ti presenti e nuoti, anche tutti i giorni.
Gratis.
Se siete un po’ pratici della città, avrete notato che nella parte a nord di Central Park, accanto all’Harlem Meer — un lago verde che del mare non ha nulla — si trova la Lasker Pool, una specie rarissima di piscina. Un’olimpionica tonda. In tutta la mia non-carriera di nuotatrice, non ho mai incontrato un’olimpionica tonda.
Oltre ad essere un gran colpo d’occhio — immaginate il lago, gli alberi tutt’intorno, e questo grosso punto celeste che mette fine a ogni questione sul caldo — la piscina è anche double-façe: l’inverno si trasforma in un perfetto campo da hockey e ice-rink per i pattinatori.
L’indirizzo della Lasker Pool è 110th Street & Lenox Avenue. Io abito alla 111th Street & Broadway. Questo vuol dire che devo soltanto far scivolare la bici per sei isolati verso est, e arrivo alla Lasker Pool, che, come dicevo, è una specie rarissima. E non solo per la rotondità tra il giottesco e il michelangiolesco, ma anche perché offre due turni: early bird e night owl. Dalle 7 am alle 8:30 am del mattino, e dalle 7 pm alle 8:30 pm la sera, i nuotatori hanno la piscina tutta per loro.
Ovviamente mi sono iscritta. Ovviamente non vedo l’ora di cominciare, il 5 luglio, con il nuoto mattutino — quello serale anche no, dopo che la piscina ha raccolto umanità per tutta la giornata…

Non vi racconto tutto questo per sottolineare la fortuna sfacciata di vivere a sei isolati dalla Lasker Pool, ma per inquadrare il discorso “NYC socialista/comunista”. Questo è un esempio.
Accanto alle iniziative legate alle piscine — sorvolo i programmi fitness, acqua-gym, acqua-gym for senior e fun for kids — ci sono le iniziative culturali. Tante volte vi ho nominato i film all’aperto. E certo, le arene ci sono anche in Italia. Ma in Italia, nella maggior parte delle arene, paghi il biglietto. Qui i film sono gratuiti, e in location spettacolari che vanno dal rooftop di un bar a Williamsburg, al ponte dell’Intrepid, la portarei attiva nella Seconda Guerra Mondiale e oggi attraccata al Pier 86, Chelsea.
Oltre ai film, i concerti. Ogni sorta di, con professionisti di fama mondiale, come l’Orpheus Orchestra, che si è esibita, lo scorso giovedì, nella cornice del Numberg Bandshell di Central Park, con più di 500 persone imbambolate ad ascoltarli — Board incluso — e diretta radiofonica. Gli eventi all’aperto sono una questione seria, e non si chiama il primo artista disperato per riempire uno spazio.

Dopo il culturale, il mio discorso ora vira sul sanitario.
Avendo bisogno di un dentista per un paio di piccole carie che non desideravo diventassero grandi carie, chiedo consiglio a Bob, il mio house-mate.
Bob mi indica il Ryan Health Community Center, 97esima & Amsterdam Avenue. Vicinissimo a casa.
“E’ una no-profit storica. Esiste dal 1967. Sono in gamba. Telefona”.
Adoro il tagliar-corto newyorkese, per quanto Bob sia anche un maestro del digredire.
Al telefono mi dicono di portare le mie ultime tre buste paga, e prova del mio indirizzo. Io faccio i compiti e porto tutto.
Al Ryan Health Community Center, calcolano il prezzo della visita che richiedi a seconda del tuo reddito. Più guadagni, più paghi. L’anno successivo porti le tue ultime tre buste e ti rifanno il calcolo.
Ti rilasciano una tessera — ‘nantra — e tu, per ogni visita che prenoti e per tutte le prestazioni di cui beneficerai in quelle visite, pagherai la stessa cifra. Una specie di ticket italiano, ma personalizzato. E in soldoni (!), per due carie e un’igiene pago un terzo di quello che pagherei in Italia.
Certo, c’è un certo. Se vi servono un intervento (surgery), una devitalizzazione (root canal) o una capsula (crown), vi spediscono automaticamente in un altro centro, i cui prezzi saranno verosimilmente spaventosi. Ma se avete necessità di un’otturazione (filling) per una carie (cavity) o di un’igiene dentale (cleaning), potete tranquillamente rivolgervi al Ryan Health. Per un appuntamento aspettate in media 3 giorni. Vi danno un account che funge da cartella clinica aggiornata in tempo reale, l’app per il telefono, e vi mandano tre sms (3!) per ricordarvi l’appuntamento. E non solo denti. Vedete un po’ qui quanti servizi offrono. Hanno un bacino annuale di 50.000 pazienti.
Al Ryan non vi chiedono l’assicurazione sanitaria, non vi domandano il visto. Chissà quanti immigrati non proprio legalmente immigrati si presentano. Eppure loro non si scompongono, e visitano.

Tornando alla nostra questione socialista/comunista… New York passa sempre per la città di Wall Street, del money-making sfrenato. La città in cui Jordan Belfort giocava a pallacanestro con il cestino e i biglietti da cento dollari — (ri)guardatevi “The Wolf of Wall Street”, please. New York è anche la città in cui tutto costa, tutto è caro. Dall’insalata al monolocale. Però New York ha anche posti come il Ryan Health. O come il College of Dental Medicine, la facoltà di studi odontoiatrici della Colombia University che unisce l’utile al ragguardevole. I pazienti portano le loro bocche malandate, e i giovani laureati della Columbia gliele curano — c’è sempre un docente con loro, tranquilli. I prezzi sono vantaggiosi, il servizio è di altissima qualità — la Columbia University rimane pur sempre un’ivy league — i giovani dentisti fanno il loro tirocinio, i pazienti si curano a prezzi modici, e tutti vivono felici e contenti.

Questo per dirvi e dirci di non cadere nel luogo comune del “se ti ammali in America son doppi dolori”. Diciamo che anche qui come altrove, fatta la legge (pessima), trovato l’inganno (passabile). Si cerca di aggirare il sistema, e di aiutare i pazienti. Non so quante strutture ci siano come il Ryan Health, che, oltre al Quartier Generale nell’Upper West Side, ha altre cinque filiali sparse in tutta Manhattan. Ma la filosofia su cui si basa è senz’altro di pasta socialista.
Una filosofia condivisa anche dai tantissimi Sindacati, le “Unions”, che qui hanno fama di essere molto potenti. Appena ho cominciato a lavorare all’FIT, la Chair del mio Dipartimento mi ha fatto iscrivere immediatamente a quello degli insegnanti, e ora sono ufficialmente membro del NYSUT, il New York State United Teachers, con tanto di numero di matricola, accesso a benefit, rivista mensile e tessera — ovviamente.
Quindi vedete come anche la patria del capitalismo possa inaspettatamente tingersi di rosso?

Pensare e pedalare ti porta lontano. O anche solo a Brighton Beach, la spiaggia del quartiere che si chiama ancora Little Odessa, e in cui la lingua ufficiale è il russo. La spiaggia è sconfinata e il mare, be’, il mare non è Sardegna, non è Caraibi, è più Jesolo. Quindi se decidete di nuotare, siate pronti a imbattervi nel cadavere di qualche malavitoso originario di Minsk fatto fuori dalla mafia russa e buttato a mare — quest’immagine agghiacciante mi ha impedito di nuotare più di un quarto d’ora, si sappia.

Questa settimana ho rincorso il film della settimana. “Three Identical Strangers” di Tim Wardle sta facendo impazzire i newyorkesi, che in questi giorni, complice anche il caldo, hanno preso d’assalto le sale dell’Angelika Film Center, lasciandomi per ben due volte con un sold-out. La terza è stata quella fortunata — ieri, dopo la pedalata a Brighton Beach.
Capisco l’entusiasmo per il documentario. Quella raccontata è una storia vera che coinvolge, appassiona e mette i brividi — il cocktail perfetto per un thriller, ma anche per un documentario.

E’ il 1980 e Bob sta per cominciare il college, Upstate New York. E’ il suo primo giorno. Arrivato nel campus, gli studenti si comportano tutti in modo strano. Lo trattano come se lo conoscessero. Abbracci, pacche sulle spalle, gimme five man. Ma quello è il suo primo giorno. Che diavolo succede?, si chiede Bob.
Bastano pochi minuti e si scopre che Bob ha un sosia. Un sosia preciso identico a lui. Talmente preciso identico da poter essere il gemello. Bob e Eddy si incontrano e, damn it, sono gemelli!
Entrambi sono stati adottati appena nati, quindi il fatto è biologicamente spiegabile, ma probabilisticamente rimane un caso di “uno su un milione”. La storia fa il giro di tutti i giornali dello Stato di New York. “Gemelli separati alla nascita si ritrovano dopo 18 anni”.
E se già la storia così com’è ha dello straordinario, quando ai due gemelli se ne unisce un terzo, David, dallo straordinario si passa all’incredibile.

Bob, Eddy e David sono tre gemelli — “triplets” si dice in inglese — nati il 12 luglio 1960 da una madre che non poteva tenerli e che li ha dati in adozione attraverso la Louise Wise Adoption Agency.
“Nessuna famiglia sarebbe stata disposta ad accogliere tre bambini in un colpo solo”, la spiegazione con cui si è giustificata l’Agenzia. E così sono stati assegnati a tre famiglie. Tre famiglie con background molto diversi: la famiglia operaia, la famiglia medio-borghese, la famiglia benestante.
Il trio diventa un fenomeno nazionale. Forse il primo caso di popolarità virale nell’era pre-social network. I gemelli sono tre fotocopie, si muovono allo stesso modo, parlano allo stesso modo, hanno gli stessi gusti. Televisione e giornali fanno a gara per averli nei loro talk-show o sulle loro pagine.
La prima parte del documentario documenta tutto ciò: il successo, i bagordi, le occasioni — famoso il cameo che girarono in “Cercasi Susan disperatamente”.
Ma dietro alla favola dei tre bambini magicamente riuniti dopo 18 anni, cominciamo a intravedere un’altra storia. Quella di tre bimbi separati alla nascita. I gemelli sono bambini speciali. Separarli può causare loro disfunzioni psicologiche, attacchi di panico, crisi isteriche, patologie di cui, apprandiamo, Bob, Eddy e David soffrirono da piccoli.

Mentre a New York i tre se la spassano alla grande, in Texas, un giornalista del New Yorker, James Wright, sta approfondendo il mondo gemellare — per la stesura del libro che gli farà poi vincere il Pulitzer. Mentre fa le sue brave ricerche, s’imbatte in un articolo sibillino dove si racconta di un esperimento condotto dallo psicologo Peter Neubauer, una specie di luminare della psicologia newyorkse dell’epoca. L’eseprimento dice: proviamo a osservare cosa succederebbe se prendessimo dei gemelli, li facessimo crescere in contesti famigliari completamente diversi e li osservassimo nella loro crescita. Proviamo a farlo. Raccoglieremo dati preziosissimi sull’eterno dibattito nature vs nurture, ovvero quanto influiscano la genetica e l’ambiente nello sviluppo di un individuo.
E l’ha fatto. Il dottor Neubauer ha fatto l’esperimento. Bob, Eddy e David sono una delle cavie — “case study”, si dice in gergo tecnico. Dietro la loro separazione, c’è un disegno dall’odor horror genetico che mette i brividi. Non voglio svelarvi troppo — il documentario arriverà sicuramente in Italia, visto il successo che sta mietendo qui, e voi andrete sicuramente a vederlo 🙂 — ma pensate. E se i triplets Bob, Eddy e David, non fossero state le uniche cavie, e ci fossero altri gemelli all’interno dell’esperimento?
Sono certa che abbiate già indovinato la risposta a questa domanda.

La favola dei gemelli ritrovati subisce quindi una svolta genetic-dark che fa inorridire — e amare molto “Three Identical Strangers”. Questi tre bambini sono stati scientemente divisi e monitorati durante tutta la loro infanzia e adolescenza, i genitori adottivi, tenuti all’oscuro di tutto. I dati raccolti avrebbero dovuto uscire in una pubblicazione, ma il dottor Neubauer è morto qualche anno fa, lasciando sotto sigillo più di 60 scatole di documenti presso l’Archivio Universitario di Yale, con una clausola: apertura consentita solo dopo il 2066.
Si sa per certo che altri casi come quello di Edy, Bob e David sono esistiti. Ma quanti? E chi c’è veramente dietro questi esperimenti? Cosa c’entra il Jewish Board of Family and Children’s Services in tutto questo?
Il documentario vi lascia con queste golosissime domande, non prima però di avervi mostrato la triste china discesa dai fratelli. Dopo la visibilità e il wild-partying degli anni ’80, e l’apertura di un ristorante a SoHo — il “Triplets”, ovviamente — il loro rapporto si è deteriorato, con degli esiti drammatici che non vi svelo…
Il film non vi molla, quando uscite dalla sala. Le questioni che scopre sono troppo eticamente grandi per essere liquidate in un sonno tranquillo. Fino a che punto noi siamo noi? Quanto incide la famiglia? E la classe della famiglia? E l’istruzione? Noi decidiamo chi voler essere oppure siamo quello che diventiamo a seguito dei geni e/o dell’ambiente in cui veniamo cresciuti? Il destino è già scritto dentro di noi, indipendentemente dalle varianti esterne? Contano più i geni o i genitori? Per non parlare poi della macchinazione tra “Grande Fratello” e genetica filo-nazista-stalinista dell’intero esperimento, che getterebbe la storia nel distopico fantascientifico, se non sguazzasse invece nella pura realtà dei fatti.
Tenete a mente “Three Identical Strangers”, e non perdetelo, quando arriverà in Italia!

Anche per oggi, ho tirato lungo e tardi… Spero non finirete per volermene, un giorno o l’altro…
Per farmi perdonare, eccovi il Frunyc III aggiornato –con la skyline del rooftop al crepuscolo, il mio rifugio newyorkese 🙂 — i ringraziamenti e i saluti, simultaneamente cinematografici.

Let’s Movie
The Board

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Leave a Reply